Il sangue d’ Italia

Il nuovo spazio dedicato ai delitti risolti e irrisolti avvenuti nel nostro Paese dal secolo scorso ai nostri giorni. Il sangue versato delle vittime di stragi, di delitti per passione, e delitti consumati da serial killer.
Una statistica Istat dice che 2021 sono stati commessi 277 omicidi volontari, almeno fino al 12 dicembre. Un numero in discesa rispetto agli anni precedenti, ma in salita se paragonato allo stesso periodo nel 2020. Ed è Caltanisetta la provincia dove si registrano più omicidi. Qui il tasso di morte per omicidio è pari al 2,3 ogni 100mila abitanti. Seguono Foggia, al secondo posto con l’1,8 e Reggio Calabria che registra un indice dell’1,5. Di questi, quasi per tutti, le indagini sono tutte ancora in corso. Quel che ci interessa è verificare quanti casi di fatti avvenuti negli anni precedenti rimangono ancora oggi irrisolti in una nazione, che occupa il ventesimo posto dlel graduatoria mondiale sugil omicidi. Numeri imporatni che ci aiutano a comprendere mglio i meccanismi legislativi e forensi sugli omicid italiani.Nello specifico di questa nuova rubrica ci addentreremo nei delitti italian che hanno lasciato un ricordo indelebiler nella memoria dell’opinione pubbica.
Temi legati a Garlasco, Cogne per poi tornare nell’italia del secolo scorso con i serial killer dagli indimenticabili nomi: Donato Bilancia, Milena Quaglini, Pietro Pacciani, Luigi Chiatti e molti altri ancora. Analizzeremo gli aspetti, le vicende e le indagini di questi fatti di cronaca che hanno insanguinato l’ Italia e spesso dimenticati da tutti.